Stanchezza cronica è caratterizzata da particolarmente intenso affaticamento, che continua per almeno sei mesi senza un motivo apparente.

DefinizioneDefinizione

La stanchezza cronica partite fatica di continuare almeno sei mesi senza un motivo apparente. E a differenza di transitori di affaticamento, stanchezza cronica non è ridotta dal sonno.

Si tratta di un insieme piuttosto complesso e difficile da diagnosticare il disturbo.

Si parla di sindrome da stanchezza cronica, in quanto la malattia è accompagnata da altri sintomi (dolore muscolare, dolore articolare …).

Questa sindrome colpisce circa lo 0,5% della popolazione e la maggior parte delle persone con questo disturbo sono le donne nei loro anni trenta.

L’evoluzione della stanchezza cronicaL'evoluzione della stanchezza cronica

L’evoluzione di questa sindrome è variabile. Si può progredire per ciclo con periodi di remissione. Con il tempo, spesso progredisce in un senso favorevole, tuttavia, la guarigione completa è rara.

Questa stanchezza cronica può portare a depressione e spesso sociale, familiare e professionale disabilità.

Cause

La causa di stanchezza cronica non è ben noto.

Questo potrebbe essere dovuto a:

– una sequele di infezione virale;

– eccesso di lavoro;

– una dieta squilibrata;

– fisico o psicologico trauma;

– disregolazione del sistema immunitario o sistema ormonale;

– un’intossicazione ;

– la presenza di diversi fattori.

SINTOMI

Le manifestazioni della sindrome da stanchezza cronica sono la stanchezza e intenso affaticamento della durata di almeno sei mesi e non migliora con il riposo.

Esso è accompagnato da almeno quattro dei seguenti sintomi:

– deficit di memoria ;

– disturbi di concentrazione;

– dolore muscolare;

– dolori articolari;

– mal di testa ;

– mal di gola;

– un’impressione di gonfiore delle ghiandole del collo;

– persistente disagio dopo l’esercizio o di esercizio;

– disturbi digestivi;

– vertigini ;

– ridotta attività fisica;

– una depressione o la depressione .

Per eliminare una condizione di base, il medico è raccomandato.

Consigli di prevenzione

La prevenzione di stanchezza cronica è difficile, perché le sue cause rimangono sconosciute. Tuttavia, la stanchezza può essere ridotto da un paio di raccomandazioni:

– garantire il sonno e il riposo a una velocità costante;

– prendersi cura di e di trarre pieno vantaggio dei periodi di riposo;

– evitare il consumo di stimolanti (caffè, tè, alcool …);

– seguire un’adeguata alimentazione;

– evitare lo stress e superlavoro;

– praticare una leggera attività sportiva;

– focus sulle attività di gruppo piuttosto che di isolamento …

Analizza – Recensioni

Per la diagnosi di stanchezza cronica , un esame medico è necessario.Per la diagnosi di stanchezza cronica , un esame medico è necessario.

Poi, ulteriori esami possono essere prescritti per eliminare una condizione di base.

Trattamenti

Il trattamento della stanchezza cronica non è particolare o realmente efficace.

In genere, si basa su:

il follow-up di una psicoterapia;

– la pratica regolare e progressiva sport;

– l’assunzione di farmaci (anti-infiammatori, analgesici …) per il trattamento di alcuni disturbi associati con questa stanchezza cronica;

– antidepressivo o ansiolitico trattamenti per migliorare alcuni sintomi;

– l’utilizzo di tecniche di rilassamento (yoga,…);

– fisioterapia.

L’omeopatia può essere efficace in fase di stanchezza cronica per alleviare i sintomi.

Omeopatia

Durante fatica cronica, è possibile prendere 3 granuli 3 volte al giorno:

– quando la fatica è di origine psichica: Kalium phosphoricum 9 CH;

– se la fatica si verifica dopo fisiche o atletiche sforzo: Arnica 9 CH e Rhus toxicodendron 9 CH.

Trattare voi stessi in modo diverso